martedì 2 novembre 2010

No, aspetta... mi son perso!



Io pure certe volte non mi seguo quando parlo. Adesso poi è anche peggio perché, dopo il mio consono periodo di “quella cosa che non mi ricordo il nome”, si sta sviluppando uno strano transitorio dove le parole più assurde del dizionario mi vengon in bocca da sole, pure quando oltre che fuori luogo niente c’entrano.
E la sintassi… pure quella è un problema, “perché io adesso tedesco studiando sto.
Penso, che le frasi per questo motivo in ordine sparso in mente mi vengono.”
Cioè… non è che l’ordine sia proprio sparso, in fondo una sua logica ce l’ha, come i miei pensieri del resto. Solo che le sinapsi che regolano le connessioni cervello-produzione dei pensieri-parole hanno qualche problema di fluidità e qualche volta saltano qualche passaggio e... finisco sempre in qualche émpasse! 

Nessun commento:

Posta un commento